25Lug
By: Anita Nuzzi Acceso: Luglio 25, 2022 In: newsblog, Uncategorized Comments: 0

 

 

 

IL FENG SHUI NELL’ARREDAMENTO DI UNA CASA

Il termine cinese Feng Shui ha un significato letterale di  “vento e acqua”, in onore dei due elementi che plasmano la terra e che con il loro scorrere determinano le caratteristiche più o meno salubri di un particolare luogo. In natura esiste una armonia che è necessario preservare e a cui è necessario ispirarsi, stipulando con essa un rapporto simbiotico e benefico.

Il Feng Shui mira a creare benessere attraverso la ricerca dell’armonia e dell’equilibrio. Questa è una ricerca continua poiché tutto è soggetto ad un continuo cambiamento. L’utilizzo del Feng Shui nell’ambito dell’interpretazione degli spazi interni di una casa ha lo scopo di creare una armonia tra l’ambiente e le persone che devono viverci all’interno.

Lo studio della distribuzione interna di una casa e dell’arredamento dei singoli ambienti, nell’ottica del Feng Shui, consente di influire sull’energia presente all’interno degli ambienti, la quale inevitabilmente tocca le persone che vivono gli spazi. Utilizzare il metodo Feng Shui per la realizzazione di una abitazione che sia quindi ispirata agli insegnamenti di questa filosofia significa pertanto adottare adeguate regole di progettazione, adeguati materiali e colori.

Esistono diverse scuole tradizionali di Feng Shui, basate su differenti strumenti di interpretazione del principio secondo il quale l’uomo e lo spazio hanno un legame profondo. Tra queste scuole si ricordano la scuola della forma che si basa sull’interpretazione degli oggetti nel mondo fisico e la scuola della bussola che si basa sull’analisi e interpretazione degli spazi attraverso l’uso di un ago magnetico posto al centro di un disco.

La filosofia del Feng Shui si basa essenzialmente su 3 elementi:

– il Tao

– lo Yin e Yang

– il Ch’i

Lo spazio di una casa viene concepito come fosse un involucro contenitore che si plasma secondo la personalità e le attività di chi lo vive. È una filosofia di estrazione taoista.

Secondo i taoisti il ch’i è la forza vitale che abita ogni cosa ed è composto dagli yin e yan, due forze opposte e complementari che, attraverso il loro bilanciamento, consentono alle persone di tenere lontano il ch’i negativo e mantenere vivo il ch’i positivo. Quanto detto può essere effettuato attraverso la cura della progettazione interna e attraverso la scelta degli arredi, dei materiali e dei colori nei diversi ambienti della casa.

Lo studio del Feng Shui si basa sull’analisi dei cinque elementi: Fuoco, Acqua, Terra, Metallo, Legno. Di questi vengono poi analizzate le loro proprietà e i loro rapporti ciclici, sempre in relazione agli ambienti che si considerano progettualmente. La progettazione secondo il Feng Shui avviene  attraverso il Bagua (che significa “otto trigrammi”), ossia una mappa che fa corrispondere ad ogni ambiente della casa un aspetto della vita: lavoro, salute, ricchezza, rapporti sociali. Questa mappa viene sovrapposta alla planimetria della casa che si sta considerando, facendone coincidere i baricentri. Lo studio che ne consegue consente di favorire lo studio progettuale di mobili, materiali e decori secondo questa filosofia.

Analizziamo adesso un arredamento Feng Shui per ogni ambiente della casa.

L’ingresso deve coincidere con il Gua dell’acqua. Esso rappresenta il punto di contatto tra esterno ed interno pertanto è importante che venga creato, nel caso fosse assente, con un mobile o un tappeto, per impedire che vi sia accesso immediato ad un ambiente privato.

Il soggiorno deve essere arredato con elementi poco ingombrati, dalle forme armoniose. Per quanto riguarda i colori, in genere nel soggiorno, simbolo delle relazioni, dovrebbe usarsi il rosso e le sue sfumature, però è importante considerare i colori che derivano dalla posizione geografica rispetto alla mappa Bagua. In relazione all’elemento che deriva dalla mappa Bagua è bene considerarne sia i colori che i materiali. Importante l’elemento divano che deve essere appoggiato alla parete come segno di protezione.

La cucina deve avere pianta rettangolare, deve essere bene illuminata e con una adeguata esposizione a sud.  La disposizione dei mobili in questo contesto deve essere tale da avere i fornelli (simbolo del fuoco) lontani dai lavelli, lavastoviglie, frigorifero (simboli di acqua). Chi utilizza i piani di lavoro non deve dare le spalle a chi accede all’ ambiente. I colori da preferirsi possono essere l’arancione, il giallo o il bianco.

La camera da letto in stile Feng Shui deve avere il letto lontano dalla porta, secondo lo studio di adeguate direttrici che consentano di avere il controllo della stanza. La testiera deve essere addossata ad una parete e l’altezza del letto non deve essere troppo bassa. L’energia deve passare al di sotto del letto che pertanto nella parte inferiore deve essere libero. I colori che possono preferirsi sono colori pastello (che richiamano la natura e quindi infondono tranquillità) o tonalità neutre ( che richiamano i colori della pelle).

Il bagno ha come elemento caratterizzante l’acqua. Questo elemento può essere riprodotto attraverso un sapiente uso di colori e materiali. I colori possono essere il blu o l’azzurro, in sintonia con la scelta di mobili dalle forme armoniose e morbide. Il richiamo alla Terra consente di creare un equilibrio con l’ elemento Acqua, attraverso l’utilizzo di materiali quali il marmo, il quarzo, la ceramica e i colori delle terrecotte. Un tocco importante è dato dall’utilizzo di piantine da interni, adatte ad ambienti caldi e umidi. Lo specchio ha capacità riflettente ed è un amplificatore di energia, da scegliere in forme tonde e armoniose, l’altezza deve essere tale da riflettere le pareti ma non i sanitari.

Possiamo a questo punto evidenziare cinque regole per arredare con il Feng Shui:

  1. Mantenere sempre l’ordine: è consigliabile liberarsi degli oggetti inutilizzati e riporre tutto al proprio posto. In caso contrario, si impedisce il fluire delle energie positive con delle conseguenze negative sul benessere della vita all’interno dell’unità abitativa.
  2. Scegliere i colori giusti:  i colori caldi come il rosso e l’arancione sono ideali per il soggiorno; il giallo stimola l’appetito e dona energia, dunque può essere indicato per la cucina; il blu e il verde possono essere i più indicati per la camera da letto.
  3. Scegliere correttamente i materiali: materiali naturali, la pietra e il metallo che consentono di mantenere una continuità con gli ambienti esterni, in relazione al fatto che il Feng Shui ruota intorno ai 5 elementi principali: il legno, il fuoco, il metallo, l’acqua e la terra.
  4. Posizionare il divano e il letto in modo corretto.
  5. Scegliere gli specchi in maniera attenta nei bagni e nelle camere da letto (evitare nelle camere da letto di posizionarli in maniera visibile perché di ostacolo al sonno)

Concludo questa breve esposizione sull’arredamento in stile Feng Shui evidenziando i colori utilizzati secondo questa filosofia:

  • Blu: è il colore della serenità e favorisce la concentrazione.
  • Rosso: è il colore del fuoco e va utilizzato con moderazione perché potrebbe elettrizzare troppo gli ambienti.
  • Verde: è il colore dell’equilibrio e trasmette un’energia rigenerante.
  • Giallo: è il colore del sole e della luce: le sue tonalità allontanano le energie negative.
  • Rosa: è il colore della delicatezza, per questo è consigliato per qualsiasi ambiente, senza abusarne.
  • Bianco: è il colore della purezza e contiene tutti i colori, è perfetto per contrastare tonalità forti.
  • Nero: è il colore dell’intensità.
  • Marrone: è il colore della terra, caldo e positivo.

Ing. Anita Nuzzi

 

 Anita Nuzzi – ingegnere, fondatrice di Inàrfose

Leave reply:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *